InfoNapoli24

#
 

Notizie » Calcio » Napoli

Juventus-Napoli: il posticipo dello scudetto.

21/04/2018

Juventus-Napoli: il posticipo dello scudetto.

Domani sera all’Allianz Stadium va di scena il match che inciderà molto nella lotta scudetto; nel Napoli torna l’undici titolare, Milik parte dalla panchina

Dopo l’emozionante turno infrasettimanale di campionato, con la contemporaneità tra le gare disputate dalla formazione partenopea in casa contro l’Udinese e dai bianconeri a Crotone, che ha consentito agli azzurri di passare nel giro di pochi minuti dal potenziale -9 in classifica (visto i momentanei vantaggi della Juventus e dei friulani) all’attuale -4, a Torino va di scena il posticipo serale della domenica con il Napoli ospite della capolista: qualunque sarà il risultato finale, la sfida segnerà in modo significativo la corsa alla conquista del tricolore in un senso o nell’altro; in caso di vittoria degli azzurri, il distacco di un solo punto renderebbe le ultime 4 gare di campionato quanto mai entusiasmanti mentre il pareggio lascerebbe invariato il margine tra le due contendenti. Un successo della squadra di casa, infine, le darebbe un vantaggio praticamente incolmabile.

Andrà tenuto in debita considerazione anche il fatto che, per ribaltare il risultato dell’andata, il Napoli dovrà vincere con 2 reti di scarto: in caso di una vittoria di misura, infatti, come quella ottenuta per 1-0 dalla Juventus al San Paolo, gli scontri diretti sarebbero in parità a prescindere dal numero di goal in quanto non vige la regola delle coppe europee relativa al doppio valore assegnato alle reti siglate in trasferta. In tal caso, a parità di punti, a decidere l’assegnazione del titolo sarebbe la differenza reti che vede attualmente i bianconeri in vantaggio di 12 reti rispetto al Napoli e che scenderebbe a 10 in caso di vittoria degli azzurri con un solo goal di scarto: difficile, se non impossibile, pensare di colmare questo gap in sole 4 gare. Il calendario delle successive gare vedrà, però i bianconeri impegnati in due trasferte insidiose, prima a Milano contro l’Inter e poi allo stadio Olimpico di Roma contro i giallorossi.

Quasi nessun dubbio di formazione per Maurizio Sarri: davanti alla porta difesa da Pepe Reina spazio quindi ad Hysaj e Mario Rui sugli esterni, con Albiol e Koulibaly (al rientro dopo la squalifica che l’ha costretto a saltare l’ultima gara) al centro. Nella zona centrale del campo, in cabina di regia torna Jorginho al posto di Diawara, con Allan a destra ed Hamsik a sinistra: Zielinski potrà rappresentare una variante a gara in corso al posto del brasiliano o del capitano slovacco a seconda delle loro prestazioni e dell’andamento della partita. In attacco l’unico interrogativo riguarda chi sarà schierato al centro tra Mertens e Milik, mentre sugli esterni saranno confermati Callejon ed Insigne: è facile ipotizzare che l’allenatore toscano preferirà partire con il folletto belga dal primo minuto, riservandosi la carta del bomber polacco a gara in corso nello stesso modulo oppure nel 4-2-3-1 se l’andamento dovesse richiederlo.

Il settore ospiti sarà pieno di tifosi azzurri, nessuno dei quali però residenti in Campania vista la limitazione circa la vendita dei biglietti. Molti napoletani hanno voluto comunque far sentire la loro vicinanza alla squadra: migliaia di supporter, infatti, hanno accolto con cori ed applausi i calciatori partenopei prima allo stadio San Paolo e poi nei pressi dell’aeroporto di Capodichino. Anche se non ce n’era bisogno, Sarri e i suoi ragazzi hanno capito ancora una volta qual è il sogno nel cuore di un’intera città. 

Fabrizio Infante

twitter