InfoNapoli24

#
 

Notizie » Calcio » Napoli

Napoli, azzurro europeo: appeal continentale in progressiva crescita.

08/11/2018

Napoli, azzurro europeo: appeal continentale in progressiva crescita.

E’ sfavillante l’azzurro del Napoli europeo di Carlo Ancelotti. Perché il suo organico ha brillato al San Paolo, compiendo un vittorioso capolavoro contro il Liverpool; imbrigliando e rimontando il PSG, sempre in quel di Fuorigrotta; e sfiorando l’impresa ancor prima al Parco dei Principi contro i transalpini. L’organico, così ben gestito,, ha reso ben al di sopra delle aspettative, portandosi attualmente in testa al girone C e giocandosela alla pari con due tra i club più forti al mondo.

La squadra partenopea sta compiendo qualcosa di valore assoluto nell’attuale edizione della Champions League: sta onorando la massima competizione continentale, senza perdere terreno in campionato; sta mostrando un grande gioco, regalando forti emozioni a tifosi e addetti ai lavori. Emozioni che non sono altro che il frutto di performance esaltanti contro avversari apparentemente impossibili da superare, quando il loro nome venne fuori tra lo stupore generale dall’urna di Nyon, ma che invece oggi sono stati domati sul rettangolo di gioco.

I Reds sono stati completamente annullati nel fortino casalingo, vittime della grande opera tattica del neo allenatore napoletano e della caparbietà dei suoi ragazzi nel cercare la via del gol (di Insigne) fino alla fine del match. Neymar e compagni hanno subito il grande spirito di organizzazione dei partenopei, molto abili nel disinnescare le iniziative dei singoli e le fonti di gioco principali. Tutti segni, questi, che mettono in evidenza la capacità della compagine azzurra di poter calcare con costanza i principali palcoscenici d’Europa, dopo aver accumulato una certa esperienza.

Ancelotti ha condotto la sua squadra in una dimensione ambita in passato, mai probabilmente raggiunta prima. Una dimensione che sembrerebbe essere perfettamente appartenere ai vari Koulibaly, Allan, Callejon, Insigne, Mertens (e compagni): le certezze degli ultimi anni. I perni di un ciclo terminato (a detta di tanti…) lo scorso maggio, che invece potrebbe arrivare più lontano di quanto si possa credere. 

Alessandro Alberto Di Porzio

twitter