InfoNapoli24

#
 

Notizie » Calcio » Napoli

Promosso all'esame di metà stagione il Napoli targato Ancelotti

06/01/2019

Promosso all'esame di metà stagione il Napoli targato Ancelotti

Giunti al giro di boa della stagione le squadre prendono fiato per il nuovo anno dove, soprattutto nei mesi inziali, servirà forza e concentrazione. A breve ricomincerà il campionato ma anche gli impegni europei. Il Napoli ripartirà dalla corsa alla Juventus e dai sedicesimi di finale di EuropaLeague, una competizione che non è assolutamente da snobbare considerando gli azzurri tra le favorite al successo finale.

La prima parte dell’era Ancelotti, nonostante appunto l’eliminazione da un durissimo girone di Champions, può considerarsi ampiamente positiva. Il ruolino di marcia in campionato finora è quasi perfetto, 44 punti in 19 partite rendono i partenopei gli unici veri avversari dei bianconeri. Oltre ai punti conquistati va analizzato l’utilizzo della rosa da parte del neo tecnico azzurro, con l’impiego di quasi tutti gli uomini a disposizione e la crescita esponenziale di alcuni di loro. Senza dubbio c’è da apprezzare l’ottimo inserimento in formazione dei nuovi arrivati Fabian Ruiz e Malcuit, ma anche la rotazione di tutti e tre i portieri ha dato modo di verificare le qualità di ognuno di loro. Meret per l’investimento, la giovane età e il ritorno da un grave infortunio è colui che ha dato risposte maggiormente positive sul campo.

Seppur nelle ultime uscite del 2018 gli azzurri non abbiano regalato delle prestazioni eccellenti, la qualità collettiva nella produzione di gioco resta ancora alta come lo scorso anno, con in più la consapevolezza di saper portare a casa anche le gare più difficili. Perché anche nei match sottotono in questo campionato gli uomini di Ancelotti hanno dimostrato di saper soffrire e portare lo stesso a casa i tre punti, con maggior cinismo e difendendosi con ordine.

Senza dubbio in qualche circostanza, ad esempio contro squadre chiuse o partite equilibrate, al Napoli è mancato un vero peso offensivo a cui fare riferimento, una presenza in area fissa in grado di sfruttare anche una palla innocua. Insigne e Mertens sono finora protagonisti di un’ottima stagione, ma spesso non sono un punto di riferimento per la squadra e Milik nonostante gli ultimi squilli importanti ancora non è una certezza. Molto probabilmente il mercato di gennaio non porterà nuove pedine al servizio di Ancelotti, anche se basterebbero realmente uno o due innesti di valore per il definito salto di qualità di una rosa molto competitiva e già ricca di fuoriclasse. Sarebbero utili alla causa solo giocatori affermati proprio come Koulibaly ed Allan, doveroso menzionarli per i livelli che stanno raggiungendo, ormai tra i top in Europa nel loro ruolo 

Gianluca Cotone

twitter