InfoNapoli24

#
 

Notizie » Calcio » Napoli

Atalanta-Napoli 4-2: difese ballerine, ma a spuntarla sono gli orobici. Male gli azzurri

21/02/2021

Atalanta-Napoli 4-2: difese ballerine, ma a spuntarla sono gli orobici. Male gli azzurri

 Hanno gli stessi punti in classifica, al momento Atalanta e Napoli. Ai nerazzurri manca solo Hateboer, al suo posto gioca Mæhle, Gosens a sinistra. Attacco, Zapata-Muriel. Gli azzurri ritrovano Koulibaly e Ghoulam ma solo per la panchina, si siede anche Insigne, tra i tre trequartisti c'è Elmas, con Osimhen ancora davanti dal 1'.

Il Napoli oggi punta sulle verticalizzazioni, i nerazzurri giocano, portando tra i due, Muriel più fuori e Zapata dentro, ma la retroguardia napoletana sbaglia molto poco. Episodio dubbio su Pessina, scivola nel tirare ma vorrebbe un rigore per tocco di Rui che parrebbe non esserci. Dal VAR infatti, nessuno chiama Di Bello. Non è convintissimo Gasperini che al 26' viene espulso per proteste. Serve forse questo, a svegliare la sua squadra, arriva il primo tiro di Gosens poco dopo, fuori ed anche ben marcato, non si tuffa nemmeno Meret. Al 30' un buon calcio d'angolo viene impattato da Djimsiti ed Osimhen per alzarsi verso la porta, Gollini la allunga fuori. Termina con poche occasioni ed emozioni, il primo tempo.

Neanche ad inizio ripresa l'Atalanta sembra trovare gran gioco, ma una giocata, personale di Muriel al 52' vale l'assist per il gol di testa di Zapata, 1-0. Al 58' però una verticalizzazione improvvisa di Politano viene colpita al volo in maniera magistrale da Zielinski, Gollini sfiora soltanto, pari ospite. Al 64', nuova azione Atalanta e ancora gol. Muriel libera Zapata a destra, Rui non lo mette in fuorigioco ed il colombiano trova Gosens in mezzo per un gol facile facile. Rischia addirittura subito il nuovo pari, la Dea, strepitoso Gollini sul diagonale ravvicinato di Insigne. Pochi secondi ed invece è l'Atalanta ancora con Muriel a fare gol. Bakayoko regala la palla al colombiano che salta Rrahmani e segna sul palo di Meret. Ancora una rete, quando manca ancora un quadro d'ora, corner, Osimhen non la prende ma intimorisce Mæhle che segna nella propria porta. Successivo corner dall'altro lato, di testa segna Romero, adesso è 4-2. Nel finale paura per Osimhen, dopo uno scontro esce in ambulanza, si spera in notizie migliori nelle prossime ore.

Vincenzo Capuano

twitter